/  Exhibition   /  Rebranding Torinostratosferica

Rebranding Torinostratosferica

Folder, Metodo Studio, LCD, BCPT, Humus, FF3300 e Bellissimo. Sette rinomati studi italiani di graphic design reinterpretano il logo di Torinostratosferica: un esperimento di city-branding.

Torinostratosferica nasce innanzitutto come logo, poi diventa un brand. Un’intuizione grafica e verbale a partire dal nome di Torino Strategica (qui la storia completa), che diventa una variazione sul tema, la parola d’ordine di un esperimento sulla città, si alimenta di idee e valori, fino a proporsi a tutti gli effetti come esempio di city-branding — seppure di un luogo immaginario.

Perché allora non commissionare un rebranding?

In vista del festival abbiamo chiesto a 7 studi grafici di diverse città italiane di ridisegnare liberamente il logo di Torinostratosferica. Sono Folder da Milano, Metodo Studio da Treviso, LCD da Firenze, BCPT da Perugia, Humus da Roma e FF3300 da Bari, più Bellissimo a Torino: ognuno ha potuto progettare senza vincoli grafici, se non evidenziare in qualche modo la parola “nostra” compresa nel nome e rispettare lo spirito sperimentale e i valori di Torinostratosferica — quello che in un “brief creativo” sarebbe il posizionamento.

Il lavoro di questi sette studi di graphic design, tra i migliori in Italia, sarà in mostra nelle giornate di Utopian Hours. In più, i progettisti titolari degli studi parteciperanno sabato 14 ottobre (ore 16) al talk City-Branding!, per confrontarsi sul tema del branding applicato alla città e di come questi temi siano più importanti di quanto le città spesso ricordino nei loro budget.